Riccio Beniamino che guardava il cielo

Voleva salutare tutta la foresta, anche se qualche creatura ancora sonnecchiava mesta.

Intanto per osservare il cielo di quel blu così intenso, Beniamino non si era accorto che arrivò alla fine del bosco, su una strada a doppio senso.

Ammirava gli uccellini fare capriole, ma inciampò su di una strada e si trovò in trappola, sotto al sole.

"Oh uccellini per guardare le vostre danze maestose, ho camminato fino all'asfalto dove non crescono neanche le rose!"

Intanto dall'altra parte della strada una dolce melodia arrivava fino al piccolo riccio.

Era un fischiettare soave, di una bimbetta dai capelli marroncini, che raccoglieva dei profumati fiorellini.

Beniamino iniziò a chiamare la bimba...:" Dolce bimbetta aiuta un piccolo riccio che per guardare il cielo ha fatto un gran pasticcio!"

 

La bimba sentì Beniamino piangere al centro di quella strada ed abbandonò a terra quei magnifici fiori per correre dalla creatura che se ne stava li, piena di paura.

 

Lei così piccola e minuta fermò due enormi macchine salvandole la vita.

Era coraggiosa la bimbetta; "Ciao piccolo riccio mi chiamo Margherita!"

Beniamino tremava dal terrore ma subito si tranquillizzò...era in mani sicure!

Margherità portò l'animaletto nel bosco, e lui per riconoscenza spezzò il fiore che portava il suo nome e glielo porse, con onore.

Era quasi finito quel marzo pazzerello col suo clima strano. A Bosco Biancospino dopo giorni di pioggia, il sole aveva fatto capolino.

Era stato un mese difficile, e nel sottobosco le pozzanghere di pioggia tappezzavano la superficie.

Ora i raggi illuminavano ogni cosa, e Beniamino il riccio usciva dalla tana stiracchiandosi in ogni posa.

Erano giorni che gli animaletti del bosco erano rimasti nelle loro tane...solo negli stagni, sotto la pioggia, sguazzavano le rane!

Intanto Beniamino col suo dolce sorriso salutò gli alberi guardiani e si incamminò in un bosco ancora mezzo addormentato.

La sua voglia di uscire era forte...sgambettava con quelle zampe corte ed un pò storte!

Osservava come l'edera iniziava sui tronchi ad intrecciarsi, o come i raggi del sole illuminassero anche i ruvidi sassi.

L'erba era di un verde estasiante, la pioggia l'aveva resa così brillante.

Aveva attraversato praticamente mezzo bosco il riccio instancabile, era Beniamino un camminatore davvero inarrestabile.

Intanto la piccola Margherita, salutò Beniamino con un sorriso, ed il riccio tornò nel fitto bosco. La sera prima di addormentarsi espresse un desiderio...un dono per la bimba che aveva salvato la sua vita.

"Affinchè nascano margherite in tutto il bosco" Aveva detto prima di cadere nel lungo sonno.

La mattina dopo, più luminosa che mai, Beniamino tornò sul sentiero del giorno prima, e con grande sorpresa vi trovò un tappeto bianco di dolci margherite profumate.

Unknown Track - Unknown Artist
00:00 / 00:00